Torre del Greco

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • black color

Annunci

Immagine attiva
Kimia C.so Resina 390 Ercolano (NA)
Home arrow Notizie arrow Cultura arrow TORRE DEL GRECO, SOSPIRO DI SOLLIEVO: RESPINTA PROPOSTA DEGLI USA SUL CORALLO
TORRE DEL GRECO, SOSPIRO DI SOLLIEVO: RESPINTA PROPOSTA DEGLI USA SUL CORALLO PDF Stampa E-mail
Scritto da andrea   
venerdì 26 marzo 2010

ImageLa tradizione è salva e con essa anche l’economia di una città. È stata rigettata, nel corso della Conferenza mondiale di Doha, la proposta di rafforzare la protezione di alcune specie di corallo rosso.

Riuniti a Doha, nel Qatar, i rappresentanti di 175 nazioni sono stati chiamati, durante la Quindicesima Conferenza delle parti, a decidere sulla protezione di alcune specie di corallo, tra cui quelle storicamente lavorate in Italia, soprattutto a Torre del Greco. Una realtà, quella della città vesuviana, che il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, ha definito «di eccellenza mondiale» in una nota diffusa dal ministero. L’Italia, infatti, contesta l’inserimento delle specie di corallo nell’«Appendice II» della Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatica minacciate di estinzione (Cites).

La proposta, che è stata promossa soprattutto dagli Stati Uniti e che mirava a proteggere trentuno specie di coralli preziosi, è stata respinta. Sulla proposta si era espressa criticamente l’Italia, attraverso il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo. «Il rapporto fra gli artigiani italiani ed il corallo è stato sempre attento e rigoroso- ha affermato la Prestigiacomo attraverso una nota- e non ha mai messo in pericolo la proliferazione della specie».

Già nel 2007 all’Aia gli Usa avevano proposto di inserire i coralli rosa e rossi nella precedente Conferenza delle parti, senza ottenere risultati. In vista dell’appuntamento di Doha, l’Unep, braccio operativo delle Nazioni unite per le questioni ambientali, si è schierata a favore della protezione del corallo, mentre la Fao, altro organismo delle Nazioni unite, si è detta contraria.

L’istanza statunitense, votata sabato scorso, non ha raggiunto una maggioranza di due terzi, raccogliendo 64 voti a favore, 59 contrari e 10 astenuti, tra le nazioni aderenti al Cites.

Fonte: Il Mediano

 
< Prec.   Pros. >
Advertisement

Login utente

Articoli correlati